giacomo puccini


   Liù, mon amour

L’inizio di un viaggio

1924-2007 viaggio tra suoni, colori, parole… omaggio a Giacomo Puccini

Parte da Montignoso, in provincia di Massa, infatti il 28 di aprile si inaugura la prima esposizione di arte contemporanea sia nelle sale espositive, sia nel giardino di Villa Schiff. Quindi pigmenti colorati, metalli, marmo, collage e suoni elettronici per nuovi colori alle note pucciniane. Certo non potevano essere dimenticate le eroine delle opere di Puccini, con le loro storie e le loro arie che verranno raccontate e cantate dal Gruppo dei 12, dodici amici cantanti e musicisti, che si sono uniti per divulgare la musica pucciniana e il melodramma italiano. Questo concerto si potrà ascoltare il 2 giugno nell’interno del Castello Aghinolfi-Giorgini, che il Comune di Montignoso ha restaurato, restituendolo alla godibilità di tutti i suoi cittadini e di tutti quei visitatori che vorranno arrampicarsi fino in cima all’antica torre, dalla quale si apre uno scenario incantevole, tra le cave di marmo da una parte e il mare dall’altra; sotto, con il suo letto di canne palustri, il Lago di Porta. In questa cornice naturale tra gli antichi sassi del castello potremo ascoltare le “donne” di Giacomo.
Liù, mon amour è un viaggio tra suoni, colori e parole dei seguenti artisti: Roberto Agnoletti, Luciano Barale, Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, Alessandra Borsetti Venier, Giovanni Commare, Fabrizio Dall’Aglio, Andrea Dami, Jonathan Faralli, Enzo Filosa, Amerigo Folchi, Mario Girolami, Marcello Magliocchi, Vincenzo Mazzone, Emanuele Nistri, Luigi Russo Papotto, Silvia Percussi, Leandro Piantini, Giordano Pini, Maurizio Pini, Claudio Stefanelli.
Tutto nasce da questo gruppo di artisti che si riunirono a Groppoli, ospiti degli Amici di Groppoli di Pistoia e che presero il nome di Gruppo 4 marzo, il cui obiettivo è quello di promuovere le attività culturali da programmare sul territorio, nel senso non riduttivo dei confini comunali, ma di area, perché si possa riprendere quel cammino che in passato ha prodotto numerose opere d’arte.
Il Gruppo crede che sia ancora in atto un fermento di espressioni creative da far uscire allo scoperto per essere valutate, o rivalutate e, dal momento che l’arte non è cosa facile sia da produrre, sia da leggere, ha pensato di dare il proprio contributo con questo progetto culturale dal nome Liù, mon amour, imperniato sul personaggio Giacomo Puccini, caro a questa terra, ma che appartiene al Mondo intero. Il maestro Giacomo Puccini perché permette di creare da subito una linea forte, ovviamente di lavoro, nell’area che da Lucca porta a Pistoia, o viceversa e poi perché Puccini fu osservatore del cambiamento agli inizi del Novecento (vedi Igor Stravinskij), così il Gruppo, con il lavoro dei suoi artisti, vuole raccontare i cambiamenti del nostro tempo, insomma proporre le proprie utopie per far conoscere meglio il nostro patrimonio culturale, oltrepassando i confini comunali secondo una linea ideale, quella legata alla vita del grande Giacomo Puccini, come recita il sottotitolo della manifestazione. Insomma un “viaggio” tra paesi, comuni e province, uniti da millenarie linee ondulate, oggi fiorite di ulivi e profumate di dolci uve, lungo quelle strade e quei luoghi che hanno nutrito la creatività di molti artisti come Giacomo Puccini.
L ’organizzazione di questo evento-itinerario si deve all’Associazione Amici di Groppoli, al Gruppo 4 marzo e anche al Club dei 12, che fa parte dell’Associazione stessa, il cui obiettivo è quello di promuovere le opere di Puccini,

Liù, mon amour
1924-2007   VIAGGIO TRA SUONI, COLORI, PAROLE… OMAGGIO A GIACOMO PUCCINI
28 aprile > 10 giugno

Nel 1924 moriva Puccini. Il Gruppo 4 marzo inizierà il viaggio alla fine di aprile perché nel 1926 al Teatro alla Scala di Milano Toscanini interruppe l’esecuzione nel punto in cui Puccini aveva posato la penna: alla morte di Liù.
La mostra alla Villa Schiff di Montignoso rimarrà aperta fino al 10 giugno, ma il viaggio potrà continuare, passando dal Lago di Porta, ormai in provincia di Lucca, verso Viareggio per visitare la Villa di Puccini. Si potrà salire verso Celle di Puccini, nel comune di Pescaglia, o continuare per Bagni di Lucca. A Torre del Lago Puccini, dopo aver visto la villa del musicista, si può proseguire per Lucca, terra natale per visitare così la casa-museo; da quel vicolo appare in tutta la sua bellezza uno spicchio della stupenda facciata della chiesa di S. Michele.
A Pescia, terra di fiori, nella Gipsoteca “Libero Andreotti”, altro artista toscano, dal 12 maggio fino al 10 giugno si potranno ammirare gli strumenti musicali della collezione Luigi Tronci, un cognome conosciuto dal 1700 per la costruzione degli organi da chiesa; il nonno di Luigi fece vari strumenti musicali per Giacomo Puccini, che aveva conosciuto a Montecatini Terme. Al piano superiore, nel grande salone, gli artisti del Gruppo 4 marzo mostreranno la loro creatività attraverso il legno, la carta, il marmo e il ferro. Si potrà anche ascoltare un racconto poetico di Alessandra Borsetti Venier dedicato a Bohème, la sua Bohème, mentre Giovanni Commare, Fabrizio Dall’Aglio, Enzo Filosa e Leandro Piantini faranno sentire le loro creazioni poetiche attraverso la voce dell’attore Daniele Bugelli.
Da Pescia si può salire verso Uzzano Castello, perché nella Villa del Castellaccio Puccini finì di comporre il secondo atto della Bohème, e poi continuare verso Montecatini Terme, dove dal 5 al 31 maggio si potranno ammirare le sculture d’arte contemporanea (sempre degli artisti del Gruppo) nel giardino dello Stabilimento Termale Excelsior, ambientate nel rilassante verde, mentre il 23 maggio il percussionista Jonathan Faralli terrà un incontro-concerto dal titolo “Scultura-elettro-percussioni”.
Pensando al periodo Liberty, è consigliato vedere i lavori di un grande dello “stile nuovo” e amico di Giacomo, Galileo Chini, nel Palazzo Municipale, nelle Terme Tettuccio e nell’Hotel La Pace.
A maggio, il giorno 4, nel salone della Villa di Groppoli a Pistoia, sede degli Amici organizzatori di questo viaggio nel tempo, si potranno ascoltare le poesie dei contemporanei di Puccini, lette da Gian Piero Ballotti, accompagnate al pianoforte da Emanuele Nistri e intervallate dalla voce tenorile di Montalvo Bellari.
Sempre a Pistoia, l’11 maggio, nel cortile dell’ex Conservatorio degli Orfani - palazzo Puccini (l’altro Puccini, Niccolò il filantropo pistoiese) due sculture di Agnoletti e Dami. Il 13 maggio nel Vivaio Piante Mati, in una cornice inconsueta ma suggestiva e ricca di fascino in quanto luogo di lavoro, i percussionisti Marcello Magliocchi e Vincenzo Mazzone terranno il loro concerto, mentre tra un brano e l’altro Luigi Tronci leggerà alcune poesie di Fucini, amico del nostro musicista Puccini. Il 26 maggio, nel Giardino della Villa di Groppoli, i poeti del Gruppo daranno voce ai loro versi poetici e Patrizio Galardini accompagnerà le parole con i suoni prodotti dalle sculture sonore di quel giardino. Anche la Banda Borgognoni darà il suo contributo d’affetto a Giacomo Puccini.
Il viaggio terminerà a Cutigliano, ridente stazione climatica dove Puccini passava vari giorni delle sue vacanze con gli amici nella Villa Magrini, oggi Villa Patrizia, dove verrà presentato il cofanetto-catalogo di questo evento culturale.
Liù, mon amour è anche un viaggio turistico, perché dà la possibilità di vedere le opere d’arte di quelle città e, se vogliamo, di gustare caratteristici piatti che alcuni locali dell’area interessata da Liù presenteranno per l’occasione. Insomma un evento culturale che si snoda lungo una serie di percorsi che costituiscono un’immaginaria linea, che è anche omaggio al nostro grande musicista toscano, per andare oltre, per iniziare un “viaggio” di ricerca.

Andrea da Pistoia
Gruppo 4 marzo

1924 Puccini muore il 24 novembre a Bruxelles dopo aver subito un’importante operazione alla gola, lasciando incompleta l’opera Turandot, nel momento in cui Turandot è stata conquistata dal principe sconosciuto, al di là d’una prospettiva di morte, ma d’amore raggiunto e completo.
La Turandot è un lavoro musicale importante non tanto per il soggetto esotico dell’opera, ma per l’armonia che segna un passo avanti in quanto utilizza in modo originale alcune soluzioni d’avanguardia; sono importanti anche il ruolo del coro, degli strumenti fuori scena, come i movimenti di massa. Proprio per le soluzioni d’avanguardia dell’opera voglio ricordare che L’uccello di fuoco di Stravinskij fu presentato a Parigi il 25 giugno del 1910 e Puccini era nella sua completa maturità: aveva 52 anni. Il Pierrot lunaire di Schönberg del 1911 e La sagra della primavera, presentata sempre a Parigi il 29 maggio del 1913, furono due pietre miliari nella storia della musica contemporanea. Qualcuno ricorda che furono un formidabile successo di scandalo.
Per la cronaca la Turandot fu completata da Alfano e rappresentata il 25 aprile 1926 al Teatro alla Scala di Milano. Toscanini interruppe l’esecuzione nel punto in cui Puccini aveva posato la penna: alla morte di Liù. Liù, mon amour riparte proprio da questo punto per rendere omaggio a questo grande musicista toscano che si è nutrito dei colori, dei profumi e delle architetture di questa terra e per andare oltre.

cartolina invito


Liù, mon amour
1924 - 2007 VIAGGIO TRA SUONI, COLORI, PAROLE… OMAGGIO A GIACOMO PUCCINI
28 aprile > 10 giugno 2007

Gli artisti:
Roberto Agnoletti - Luciano Barale - Giuseppe Bartolozzi - Clara Tesi - Alessandra Borsetti Venier - Giovanni Commare - Fabrizio Dall’Aglio - Andrea Dami - Jonathan Faralli - Enzo Filosa - Amerigo Folchi - Mario Girolami - Marcello Magliocchi - Vincenzo Mazzone - Emanuele Nistri - Luigi Russo Papotto - Silvia Percussi - Leandro Piantini - Giordano Pini - Maurizio Pini - Claudio Stefanelli

Linee di interesse:
1 Arte - 2 Concerti - 3 Gastronomia - 4 Letture poetiche - 5 Testimonianze pucciniane

Stazioni di destinazione:

Montignoso
blurr
Villa Schiff
28 APRILE - 11 MAGGIO / 28 MAGGIO - 10 GIUGNO 2007 - inaugurazione ore 17,30 -
Agnoletti, Barale, Bartolozzi-Tesi, Dami, Folchi, Girolami, Papotto, Percussi, G. Pini, M. Pini, Stefanelli
Sculture, pitture, collage, installazioni, fotografie
Orario villa 9 - 13, domenica chiuso - orario giardino 9 - 20
r
28 APRILE 2007 - “Puccini: note a colori” - ore 18,30 -
Nistri
aaaMontignoso si raggiunge dall’A12 uscita Versilia o Massa, o percorrendo la S 1 Aurelia,         direzione Villa Schiff-Giorgini >Municipio >loc. Capanne > Prato >Piazza

Castello Aghinolfi - Giorgini
2 GIUGNO 2007 -  “Le eroine di Puccini” - ore 21,30 -
Club dei 12
aaaDirezione Villa Schiff-Giorgini >Municipio >Capanne >Prato >direzione Castello

Lago di Porta
r
Zona umida, dove Giacomo Puccini andava a caccia di acquatici con gli amici di Montignoso e per cercare ispirazione per le sue musiche
aaaDall’A12 uscita Versilia o Massa

Celle di Puccini
r
Tra i contrafforti delle Apuane, agli inizi del 1700, ha origine la famiglia Puccini.
In questo piccolo borgo, nel comune di Pescaglia,si può visitare la casa di famiglia
aaaDa Montignoso >Seravezza >Stazzema >S.Rocco >Pescaglia o da Lucca > S12            direzioneAbetone, Ponte a Moriano >Decimo >Pescaglia

Bagni di Lucca
rosso
Nel 1909, al Gran Hotel delle Terme, Puccini compone il 2° atto de “La Fanciulla del West”
aaaDa Celle >Decimo >Borgo a Mozzano, o da Lucca S12 direzione Abetone, Ponte a Moriano      >Borgo a Mozzano

Viareggio
rosso
Giacomo Puccini, soggiornò qui in Versilia e vi fondò il “Club Gianni Schicchi”.
aaaDall’A11 o A12 uscita Viareggio, oppure dalla Stazione ferroviaria Viareggio >direzione          centro >angolo Piazza G. Puccini - Viale Buonarroti

Torre del Lago Puccini
rosso
Giacomo Puccini abitò su una delle rive del Lago di Massaciuccoli dal 1891, prima in affitto, poi acquistò la “torre di guardia” che ristrutturò in un’elegante abitazione, oggi museo. Qui compose molte delle sue indimenticabili opere.
A Torre del Lago, in estate, si svolge il Festival Pucciniano (www.puccinifestival.it)
aaaDall’A11, uscita Pisa nord > S1Aurelia, direzione Viareggio

Lucca
rosso
In via del Poggio, nella Corte San Lorenzo, a pochi passi dalla Chiesa di San Michele, c’è la casa dove il 22 dicembre 1858 nasceva Puccini. Oggi è sede del Museo e della Fondazione
aaaDall’A11, uscita Lucca, oppure dalla Stazione ferroviaria >direzione centro

Lucca, città medievale, circondata dalle famose mura erette tra il 1550 e il 1650 per difendersi dai colpi delle bombarde nemiche, ha un cuore Liberty.
C’è da vedere, oltre ai palazzi e ville secondo i segni dell’“arte nuova”, la Chiesa di San Michele e di San Martino, per citarne solo alcune. Testimonianza della sua antica storia è Piazza Anfiteatro.

Pescia
blurossoarancior
Palagio Gipsoteca “Libero Andreotti”
12 MAGGIO - 10 GIUGNO 2007 - inaugurazione ore 17,30
Agnoletti, Barale, Bartolozzi-Tesi, Dami, Folchi, Girolami, Papotto, Percussi, G. Pini, M. Pini, Stefanelli
Sculture, pitture, collage, fotografie, libro-opera
Collezione Luigi Tronci
Dai campanelli giapponesi usati nel primo atto dell’opera Butterfly, ai gong, sempre utilizzati nel primo atto, oltre alle campane tubolari, a lastra e piatti sinfonici.
Orario 16 - 19 mercoledi, venerdi, sabato e domenica

12 MAGGIO 2007 - “La Bohème commentata da Stravinskj a primavera…” - ore 18 -
Borsetti Venier

10 GIUGNO letture poetiche - ore 17,30 -
Commare, Dall’Aglio, Filosa, Piantini
Brani poetici letti da Bugelli
aaaLa Gipsoteca è in Piazza del Palagio.
Per chi arriva dall’A11 (uscita Chiesina Uzzanese), o dalla strada S 435 Montecatini-Lucca,    >direzione Pescia


Ristorante Da Cecco
12 MAGGIO - cena su prenotazione - ore 20 -
Viale Forti, 84 - Pescia - tel 0572 477955

A Pescia, divisa dal fiume che ha dato il nome alla città medievale, c’è da vedere nel centro storico il duecentesco Palazzo Comunale e nella Chiesa di San Francesco l’omonima tavola del 1235, dipinta da Domenico Berlinghieri. Si può continuare la visita alla Cattedrale e alla storica Porta Fiorentina

Uzzano
rosso
Nella Villa del Castellaccio il grande compositore finì il 2° atto della Bohème, come scrisse sul muro della stanza.
aaaLa villa si raggiunge dalla frazione S. Lucia, sulla strada S 435 che da Montecatini Terme porta a Pescia, >direzione Uzzano Castello

Montecatini Terme
blurr
Terme Stabilimento Excelsior
5 MAGGIO - 31 MAGGIO 2007- inaugurazione - ore 17,30 -
Agnoletti, Bartolozzi-Tesi, Dami, Folchi, Girolami, Papotto
Sculture, pitture
Orario 9 - 20, domenica 9 - 13. - Viale Verdi

23 MAGGIO - “Scultura-elettro-percussioni” - ore 18,30 -
Faralli
“Incontro-concerto con il compositore Cage e la scultura di Dami, ma anche con Hamilton, Morley

Ristorante Hotel Corallo
23 MAGGIO - cena su prenotazione - ore 20 -
Via Cavallotti, 116 - Montecatini T.- tel 0572 78288
aaaMontecatini Terme, scelta da Puccini per i suoi soggiorni estivi e per la cura delle acque termali, si raggiunge dall’A11, uscita Montecatini, o dalla statale 435 Pistoia-Lucca, o dalla Stazione ferroviaria Montecatini succursale >direzione centro

Da vedere, oltre ad architetture in stile Liberty, i dipinti di Galileo Chini, amico di Giacomo Puccini, come i manufatti della Manifattura omonima, nel salone delle Terme Tettuccio (Viale Verdi), nel Palazzo del Municipio (Viale Verdi), nell’Hotel La Pace (Corso Roma)

Pistoia
aranciorblur
Villa di Groppoli
4 MAGGIO - letture e musiche - 17.30 -
Pascoli, D’Annunzio…
Poesie lette da Gian Piero Ballotti
Nistri
Sfumature pucciniane al pianoforte
Club dei 12
Brani di Puccini
aaaGroppoli si raggiunge dalla strada S 435 Pistoia-Lucca, in località Stazione Masotti, seguire indicazione Fattoria di Groppoli >salire lungo la strada asfaltata fino alla villa

Cortile ex Conservatorio degli Orfani - Palazzo Puccini
(l’altro Puccini, Niccolò il filantropo pistoiese)
12 MAGGIO - inaugurazione - ore 11,30 -
Agnoletti, Dami
Sculture
Orario 9 - 14 - domenica chiuso - Via Puccini
aaaPistoia si raggiunge o con l’A11 (uscita Pistoia), o dalla strada S 435 Prato-Montecatini, o dalla Stazione ferroviaria, >direzione centro

Vivaio Piante Mati
13 MAGGIO - concerto - 17,30 -
Agnoletti, Magliocchi, Mazzone, Nistri
Un’installazione, un concerto e una stanza di colori pucciniani
Fucini
Letture a cura di Luigi Tronci
aaaSi raggiunge dalla strada che da Pistoia porta a Casalguidi, al cartello Ponte a Stella, seguire frecce Piante Mati

Ristorante L’Oca Rossa
13 MAGGIO - cena su prenotazione - ore 20 -
Via A. Doria, 13/f - Bottegone - tel 0573 545376
aaaSulla via Fiorentina S 66, fuori Pistoia

Giardino Villa di Groppoli
26 MAGGIO - letture e musiche - 17.30 -
Commare, Dall’Aglio, Filosa, Piantini
Brani poetici letti da Bugelli e degli stessi autori
Galardini
Accompagnamento musicale su alcune sculture sonanti del “Giardino sonoro”
Banda Borgognoni
Concerto

A Pistoia, oltre ai molti vivai che la circondano, da vedere gli storici monumenti nel centro della città: il Palazzo degli Anziani del 1297, il Comune; la cattedrale di San Zeno che custodisce la preziosa reliquia di Sant’Jacopo, un importante luogo di sosta per i pellegrini che nel medioevo si mettevano in cammino per Compostela; il battistero progettato da Andrea Pisano e da non perdere il pulpito di Giovanni Pisano nella chiesa romanica di Sant’Andrea e poi San Giovanni Fuorcivitas, senza dimenticare la fascia di terracotta policroma robbiana dell’ospedale del Ceppo. Da visitare anche la Fondazione Marino Marini (Corso Fedi), la Fondazione Giovanni Michelucci (Palazzo Comunale), la Casa studio Fernando Melani (Corso Gramsci) e la Fondazione Jorio Vivarelli (in via di Felceti. Dal centro della città verso il Viale Adua, direzione Ponte alle Tavole >Arcigliano; dopo poche curve tra due cipressi l’ingresso della villa).

Cutigliano
rosso
Località turistica dove Puccini passava alcuni giorni di vacanza con gli amici Magrini nella villa omonima (oggi Villa Patrizia) e componeva le musiche per “La Rondine”
aaaCutigliano si raggiunge seguendo la strada S 12 da Lucca, o la strada S 66 da Pistoia, che si innesta sulla S 12 in località Lima e porta verso il passo dell’Abetone. In località Casotti > direzione Cutigliano

Cutigliano è una graziosa e antica stazione turistica. Da vedere il Palazzo comunale.
Inoltre da Cutigliano si possono percorrere tre interessanti itinerari: uno verde, uno giallo e uno rosso, come indica la segnaletica parlante di questa Strada dei Sapori e dei Colori dell’Appennino Pistoiese. Basta digitare il numero telefonico segnato nel cartello, scegliere la lingua e ascoltare le informazioni turistiche e storiche. I percorsi sono cofinanziati dal Fondo Europeo di Orientamento e Garanzia in Agricoltura.
.

A Villa Patrizia nel mese di luglio verrà presentato il cofanetto-catalogo della manifestazione e nell’occasione il Prof. Gianfranco Greco intratterrà gli intervenuti su Le donne di Giacomo Puccini (come sinistrato matrimoniale) e nell’occasione verrà presentata una nuova edizione del libro curata dal Gruppo Kàribu.

 

 

ritorna
Ritorna