ventisette gennaio 

è il giorno dell’indignazione e dovrebbe smuovere l’emozione della vergogna. La vergogna è segno di civiltà e l’uomo che non si vergogna non sente di dover reagire o cambiare comportamento(1).

1) Nadia Urbinati, L’analisi, la Repubblica, 22 gennaio 2011













ritorna
Ritorna